Associazione Nazionale Alpini
Sezione di Monza
Corso Milano, 39 - 20052 Monza (MI)
Tel. e fax. 039 / 36 70 68
monza@ana.it
Ricerca
Argomenti
  Registrati su AnaMonza Home  ·  Argomenti  ·  Downloads  ·  Il tuo profilo  ·  Invia articolo  ·  I Top 10  
Alpini in pianura

· Home
· Invia articolo
· Calendario
· Archivio articoli
· Sondaggi

· Raduno 2° Rgpt ANA 18/19 Ottobre 2014

· Archivio fotografico
· Raccomandaci
· Registrati su AnaMonza


Ancora Nessun Articolo.

Vecchi Articoli
Giovedì, 13 marzo
· Seregno, 50 anni di alpini
Lunedì, 24 febbraio
· Disponibile online il numero 97 di Monza e Brianza Alpina
Lunedì, 10 febbraio
· Nova Milanese, messa per commemorare Don Gnocchi
Martedì, 04 febbraio
· Lissone, monumento ai martiri delle foibe
Lunedì, 03 febbraio
· Vedano al Lambro organizza la presentazione del libro "Operazione Sorriso&q
Martedì, 21 gennaio
· Mostra "La Divisione Vicenza in russia"
Venerdì, 13 dicembre
· Disponibile online il numero 96 di Monza e Brianza Alpina
Lunedì, 04 novembre
· Rassegna Corale "ANA Canta"
Mercoledì, 28 agosto
· Raduno Sezionale 2013
Martedì, 16 luglio
· Villasanta, festa settembrina
Martedì, 02 luglio
· Festa alpina a Cornate d'Adda nel weekend di mezzo luglio
Domenica, 30 giugno
· Disponibile online il numero 95 di Monza e Brianza Alpina
Venerdì, 07 giugno
· Vedano, festa alpina nel weekend di mezzo giugno
Martedì, 26 marzo
· Nova Milanese celebra il 70° anniversario della ritirata di Russia
· Carnate festeggia il 3° anniversario
Martedì, 05 febbraio
· Disponibile online il numero 94 di Monza e Brianza Alpina
Mercoledì, 21 novembre
· La nostra domenica
· Al via l'edizione 2012 di Monza Montagna
Mercoledì, 07 novembre
· "Sotto" il cappello che noi portiamo
Mercoledì, 31 ottobre
· Disponibile online il numero 93 di Monza e Brianza Alpina
· Villasanta, concerto di cori alpini
Lunedì, 29 ottobre
· Carnate, castagne e trippa take away
Giovedì, 18 ottobre
· Bernareggio, Messa commemorativa Don Gnocchi
Venerdì, 14 settembre
·
· Arcore, serata di cori alpini
Giovedì, 13 settembre
·
Lunedì, 03 settembre
· Arcore, mostra dedicata a Mario Rigoni Stern
Lunedì, 06 agosto
· Villasanta, festa alpina settembrina
Martedì, 24 luglio
· Coro "Il Rifugio Città di Seregno"
Mercoledì, 04 luglio
· Cornate d'Adda, festa alpina

Articoli Vecchi


Cronologia degli avvenimenti

 Anno  Avvenimento 
 1919 Le armi che per quattro lunghi anni hanno tuonato sui fronti europei, finalmente tacciono. L'Italia ha raggiunto i confini naturali ed ha chiuso il ciclo del Risorgimento, ma tanti, troppi non sono tornati. Gli Alpini hanno contribuito all'olocausto con 43.957 Caduti "accertati". Per iniziativa di un gruppo di reduci viene fondata a Milano l'Associazione Nazionale Alpini al fine di accogliere tutti coloro che avevano militato nel nostro Corpo. Non quindi Associazione combattentistica, ma Associazione d'Arma. 
 1929 Gli avvenimenti milanesi trovano riscontro anche a Monza, Patria di Alpini del 5° per cui si costituiscono i primi nuclei della nostra Sezione: per non dimenticare i fratelli che "non sono tornati" e per cementare, in quelli rimasti e nelle nuove leve, i valori morali della naja alpina.
Il 6 giugno a Monza, in pieno accordo con il primo Presidente Nazionale dell'A.N.A. Arturo Andreoletti, viene fondata la Sezione. I soci fondatori sono Gaetano Antonietti, Aldo Varenna, Eraldo Canesi, Enrico Tronconi, Pino Penati, Paolo Bonati e Valtorta. All'inizio della vita sezionale i soci avevano il piacere di ritrovarsi fra amici che avevano vissuto, durante la guerra, esperienze comuni. Si progettano gite in montagna o la partecipazione ai raduni nazionali. La quota associativa è di lire 20.
Domanda: perché Alpini a Monza, località di pianura?
Risposta: Monza ha sempre avuto una tradizione di appassionati della montagna. Da ciò deriva che molti giovani hanno scelto di prestare il servizio militare nelle truppe alpine. Questo ha lasciato un'impronta profonda anche nella Associazione, tutta diversa da altre associazioni consimili.
La Sezione insieme agli Alpini di Carate Brianza, forte di un bel numero di partecipanti, è presente all'Adunata Nazionale a Roma.
A Sovico, per iniziativa di Gaetano Antonietti, viene fondato il Gruppo. 
 1930 Il Gruppo di Carate Brianza confluisce nella sezione 
 1931 Adunata a Genova. Quota di partecipazione lire 26. 
 1932 Adunata a Napoli.
A Cassano d'Adda inaugurazione del monumento dedicato al Generale Perrucchetti, fondatore delle truppe alpine. Sono presenti i nostri soci Lamberti, Vismara, Sala, Galbiati e Moriondo. 
 1933 La Sezione partecipa con propria squadra ai campionati del X Reggimento.
Il socio Achille Garbagnati partecipa alla guerra d'Africa con il 2° Alpini.
L'Adunata Nazionale si svolge a Bologna. 
 1934 In aprile si svolge a Roma l'Adunata Nazionale. 
 1935 Marzo: l'Adunata Nazionale questa volta è a Tripoli.
Durante la guerra d'Abissinia l'alpino monzese Stella G.Antonio del battaglione Uork Amba cade in combattimento. 
 1936 Settembre: adunata a Napoli. 
 1937 All'adunata di Firenze sono presenti i nostri soci.
L'adamellino Aldo Varenna succede nella presidenza a Gaetano Antonietti.  
 1938 Aprile: raduno a Trento. 
 1939 Adunata Nazionale a Trieste. 
 1940 Spese lire 320 per donare un orologio a Don Baraggia.
Contributo di lire 120 per sei vaglia da 20 lire inviati ad altrettanti alpini richiamati.
Giugno: ultima Adunata a Torino prima del conflitto mondiale.
10 giugno: l'Italia entra in guerra a fianco della Germania contro Francia ed Inghilterra. È assidua l'attenzione in contributi, in viveri, indumenti e denaro da parte della Sezione verso i richiamati alle armi. Non solo per noi ma anche per milioni di italiani inizia il calvario ... 
 1941 Pro museo alpini di Trento, versamento di lire 50.
Per orfani degli alpini riceviamo un'offerta da Crivelli di lire 2000.
Per affitto sede, lire 100.  
 1942-43-44-45 L'attività in questi anni viene limitata ad assistere gli alpini in armi e le loro famiglie con contributi ai più bisognosi. 
 1946 Il 5 ottobre, con 40 presenti, dopo la vicenda bellica riprende l'attività della Sezione. Presidente viene eletto Giancarlo Antonietti, consiglieri: Calloni, Rivolta, Colombo, Malegori, Stella, e Galbiati.
Viene stabilito un contributo alle famiglie particolarmente bisognose dei caduti, soci della Sezione. La sede rimane presso la Combattenti, però il ritrovo dei soci avviene presso il Caffè Livio, gestito da un socio. 
 1947 Contributo per la ricostruzione del Ponte di Bassano di lire 1500.
Si progettano gite, raduni, e visite a Gruppi per ricongiungere le forze disperse dalla guerra. I primi contatti avvengono con Sovico, Carate, e Vedano.
È bello rilevare dai libri verbali e dal diario di quegli anni che i soci continuano, tramite il cappellano don Baraggia, a ricordare con aiuti in denaro le famiglie dei caduti. 
 1948 Pro monumento dell'alpino di Milano lire 1700.
Soci della Sezione partecipano al raduno di Brescia, a quello nazionale di Bassano del Grappa per l'inaugurazione del ponte ricostruito, ed a Milano per la traslazione del monumento dell'alpino.  
 1949 Una rappresentanza partecipa ai funerali del Col. Gennaro Sora, grande alpino, protagonista delle memorabili imprese al Polo Nord.
L'Adunata è a Bolzano.
Viene devoluto un contributo della Sezione per la lampada votiva al Sacrario dei caduti in piazza Trento e Trieste a Monza. 
 1950 Nella relazione dell'Assemblea annuale il presidente Antonietti fa appello ai suoi consiglieri affinché quei soci indifferenti ed assenteisti che definisce "muli recalcitranti" vengano sollecitati a partecipare alla vita della Sezione.
Ultimato l'inverno viene deciso di lasciare il locale pubblico per i ritrovi e tornare nella propria sede alla Combattenti. Per la stagione invernale prossima si vedrà come riscaldare la stessa sede.
Ambrogio Galbiati assume la presidenza della Sezione succedendo ad Antonietti.
Al colle della Grande Jorasse nel gruppo del Monte Bianco la Sezione del CAI di Monza, con squisito sentimento fraterno e solidarietà, inaugura un bivacco dedicato agli alpini ed alpinisti scomparsi. La Sezione ha in seguito contribuito alle ingenti spese sostenute. 
 1951 Nel consiglio del 10 maggio si decide di accogliere come simpatizzanti gli amici sempre vicini alla Sezione ed alle sue iniziative.
Pro alluvionati del polesine lire 5000.
Continua l'aiuto ai soci bisognosi, alle loro famiglie, ai "bocia" alle armi oltre che ai disoccupati.
La Sezione partecipa con un buon numero di soci alla 24° Adunata Nazionale di Gorizia (presenti circa 30000 alpini).
Il 21 giugno assume la presidenza Leo Sorteni.
In ottobre vengono sollecitati i componenti la commissione per la stesura dello Statuto Sezionale, a concludere i lavori; la bozza dello stesso era stata compilata sulla falsariga di quello della Sezione di Milano.
Nel consiglio di dicembre viene deliberato di devolvere una regalia natalizia in denaro ai "bocia" alle armi. Fra questi Walter Bonatti. 
 1952 La Sezione partecipa alla 25° Adunata Nazionale tenuta a Genova con sempre più presenze. Nell'Assemblea del 19 maggio viene approvato il Regolamento Sezionale.
Il Gen.Luigi Reverberi, eroe di Nikolajewka, fa visita alla Sezione.
Da un verbale si auspica l'elezione di giovani nel consiglio sezionale onde essere fraternamente uniti da quel misterioso e meraviglioso sentimento che è lo spirito alpino. Si propone di radunare i "bocia".
23 dicembre: presente don Carlo Gnocchi viene tenuta una serata dal Coro ANA di Milano al Teatro Villoresi. Il ricavato viene devoluto ai mutilatini protagonisti di una commovente proiezione sull'opera di questo santo cappellano alpino. 
 1953 Settembre: in pullman con 40 partecipanti gita a Cortina d'Ampezzo per la 26° Adunata Nazionale.
A Villasanta, in un pubblico esercizio, viene festeggiato con una medaglia ed una cena Walter Bonatti per i suoi successi di ardimentoso alpinista a livello internazionale.
Ottobre: a Merano viene ricostituito il glorioso 5° Alpini ed i monzesi non disertano la giornata celebrativa. 
 1954 Viene aperta una sottoscrizione a favore dei bisognosi intitolata al socio Pino Rivolta prematuramente scomparso.
Si partecipa all'Adunata Nazionale di Roma.
L'affito della sede sale a lire 5000 annue.
Settembre: la presidenza partecipa ad Edolo all'inaugurazione del monumento all'alpino, donato dalla città di Milano.
Nasce il gruppo di Tregasio, madrina la contessa Iacini.
Si dà mandato al Presidente di far pubblicare, tramite la Sezione di Milano, notizie della nostra attività sul loro giornale "Veci e Bocia".
Viene festeggiato, insieme Gruppo di Sovico, il nostro 25° anniversario di fondazione.
Novembre: Walter Bonatti, reduce dalla scalata del K2 viene nominato "socio d'onore" della Sezione. 
 1955 Su iniziativa del Cav.Vincenzo Vismara viene fondato il Gruppo di Casatenovo, che raccoglierà subito molte adesioni di alpini della zona. Presente don Carlo Gnocchi.
Buona partecipazione di soci all'Adunata di Trieste. 
 1956 Viene fondato il Gruppo di Villa Raverio.
In sede, con una cinquantina di libri, nasce una piccola biblioteca alpina.
28 febbraio: una rappresentanza con il vessillo sezionale partecipa a Milano ai funerali di don Carlo Gnocchi. In tale occasione viene aperta una sottoscrizione a favore dei suoi mutilatini che frutta lire 615000.
Marzo: numerosi soci partecipano all'Adunata di Napoli.
4 novembre: a Merano viene ricostituito il Battaglione Morbegno; nostri soci sono presenti alla cerimonia. 
 1957 Viene fondato il Gruppo di Lissone.
Marzo: nostri soci partecipano all'Adunata Nazionale a Firenze.
Novembre: finalmente la nostra sede viene riscaldata nei giorni di apertura. I nostri soci si trovano più a loro agio non dovendo dipendere da un locale pubblico, sia pure di proprietà di un amico. 
 1958 Fondazione del Gruppo di Desio.
Adunata Nazionale a Trento. 
 1959 32° Adunata Nazionale a Milano con pranzo in un locale caratteristico brianzolo. 
 1960 Marzo: Adunata Nazionale a Venezia.
Il 10 dicembre scompare il presidente Sorteni in un incidente automobilistico. Gli succede Sandro Montecchio. 
 1961 Viene lanciata l'idea di costituire il gruppo "Giovani Alpini" perchè questi in sede non si fanno più vedere.
Nostri soci partecipano alle gare sciistiche: Trofeo Sora, Campionati provinciali a Macugnaga e nazionali a Cavalese.
Maggio: Adunata Nazionale a Torino.
Dai consiglieri in carica viene sollecitata una attività culturale e ricreativa all'interno della Sezione. 
 1962 Viene fondato il Gruppo di Gorgonzola.
Marzo: Adunata Nazionale a Bergamo con presenza numerosa dei nostri soci. 
 1963 36° Adunata Nazionale a Genova, senza fanfara ma sfiliamo al canto "Figli di nessuno". L'entusiasmo è alle stelle. 
 1964 Nasce il Gruppo di Seregno.
Adunata Nazionale a Verona.
30 giugno: Padre Massimo festeggia il 25° di ordinazione sacerdotale; sono presenti con il vessillo sezionale Teruzzi, Magni, e Porro. 
 1965 Viene organizzata una gita sciistica a Bielmonte in Valsesia con ottimi risultati di presenze. Visti i risultati viene nuovamente organizzata presso l'Hotel de la Ville, in occasione del carnevale, la "Veglia Verde".
Nell'Assemblea di Milano Merlini di Lecco viene eletto Presidente Nazionale succedendo ad Erizzo di Genova.
Un buon numero di soci partecipa con l'ex-Presidente Varenna al raduno dei reduci della "Guerra Bianca" di Passo del Tonale.
Adunata Nazionale a Trieste. 
 1966 Gita sezionale a Schilpario per i campionati nazionali di fondo; gareggiano anche i nostri soci.
Aprile: Adunata Nazionale a La Spezia dove si fraternizza con i marinai.
Viene disputato il trofeo di bocce intitolato all'ex-Presidente Sorteni con partecipazione numerosa dei soci. 
 1967 40° Adunata Nazionale a Treviso. È l'incontro fra alpini ed aviatori, noi sulle cime, loro più su fra le nuvole. Durante la sfilata gli aerei lanciano sulla colonna migliaia di manifestini tricolori, poi passa con gran fragore la pattuglia acrobatica che lascia nel cielo un'enorme scia tricolore. 
 1968 Gianni Battocchi succede a Sandro Montecchio.
Marzo: Adunata Nazionale a Roma. 
 1969 5 ottobre: a Monza viene festeggiato il 40° di fondazione.
Nascono i gruppi di Capriano e di Nova Milanese.
Gita sezionale in treno a Brunico con visita alla caserma del 6° Alpini; partecipano ben 80 soci.
Aprile: Adunata Nazionale a Bologna. 
 1970 Maggio: Adunata Nazionale a Brescia con gita nel pomeriggio sul Lago di Garda. 
 1971 Maggio: a Cuneo importante Adunata Nazionale. 
 1972 Viene fondato il Gruppo di Macherio.
Maggio: 45° grandiosa Adunata Nazionale a Milano-Cassano d'Adda per la celebrazione del I° centenario di fondazione delle Truppe Alpine. 
 1973 46° Adunata Nazionale a Napoli. Malgrado la distanza partecipa un nutrito gruppo di soci. 
 1974 47° Adunata Nazionale a Udine. 
 1975 A Firenze, in occasione della 48° Adunata Nazionale, unanime protesta sulle allarmanti notizie di forti riduzioni delle Truppe Alpine.
La ristrutturazione delle Truppe Alpine trova dura opposizione: conferenza stampa alla Rai, incontri con i parlamentari alpini, con il Capo di Stato Maggiore, con il Presidente della Repubblica; i primi risultati si ottengono: resterebbero intatte le 5 Brigate, di poco ridotte nel numero, per cui è promesso il mantenimento del reclutamento tradizionale. Il Presidente Nazionale Bertagnolli è inflessibile e riesce a vincere le resistenze romane. Tutto il Consiglio Nazionale ed i Presidenti di Sezione sono al suo fianco. L'opinione pubblica informata dalla stampa è con noi.  
 1976 Nasce il Gruppo a Veduggio.
Il 12 marzo scompare il nostro cappellano Mons.Baraggia.
Marzo: la 49° Adunata Nazionale di Padova vede 200000 alpini riuniti. L'ambiente è turbolento e anche ostile. La sera del sabato in Piazza dei Signori su un palco si alternano i cori alpini; dall'altro lato della piazza la facoltà di Lettere e Filosofia il cui cortile è oscenamente imbrattato; i civilissimi e moderni intellettuali tentano di disturbare i cori ma dopo una prima dura lezione gli eroici cappelloni se la danno a gambe, malconci.
Maggio e settembre: disatrosi terremoti seminano morte e rovine in Friuli. Gli alpini di Monza e Brianza accorrono in aiuto a quelle popolazioni. A Maiano vengono ricostruiti una casa ed il forno per la cottura del pane. 
 1977 Giulio Rovelli succede a Gianni Battocchi.
Torino ospita la 50° Adunata Nazionale. Sui muri della città troviamo frasi di benvenuto: "Alpini vi aspettiamo con la P38". La sera del venerdì quando i cappelloni incendiano alcune auto e spaccano vetrine, cercano anche di guastare i barbecue dei friulani che arrostiscono salsicce; prendono una lezione così dura che ricorderanno per un bel pezzo, e non se ne vedrà più nemmeno uno solo, per tutti i giorni seguenti. Alla sfilata i torinesi gridano: "Alpini restate qui con noi, almeno potremo vivere in pace!".
Il Presidente del Consiglio Andreotti decora il labaro nazionale con la medaglia d'oro al merito civile per il soccorso al friuli.
Settembre: gita sociale a Merano per consegnare l'altare da campo di Mons.Baraggia al Museo edl 5° Alpini.
Il Consiglio ricostituisce il Gruppo Sportivo Alpini ed in ottobre viene organizzata la "Marcia della solidarietà" nel Parco di Monza con 400 partecipanti.
Il pranzo sociale si svolge all'Hotel Parco di Villasanta con la presenza di 165 partecipanti con la presenza del Presidente Nazionale Bertagnolli. 
 1978 Nasce il Gruppo di Villasanta.
Su proposta del socio Emilio Galbiati nasce l'iniziativa di donare un cane guida ad un non vedente.
Febbraio: si propone di portare il bollino a lire 3500.
Maggio: Adunata Nazionale a Modena per la prima volta.
Dopo l'Adunata Nazionale il Presidente Rovelli e Magni, Trivulzio, Torri sono intervistati da TV Monza e Brianza sul "perché alpini" e sulla stessa adunata.
Si provvede ad aiutare la Scuola Cani Guida di Limbiate con contributi ed aiuto di mano d'opera.
Dicembre: cena presso il ristorante Fantello con un segno tangibile di riconoscimento verso gli anziani della Sezione.
Dicembre: esce il numero 0 del giornale sezionale "nza Alp". Grazie all'intuito di Massimo Pellacini ed alla collaborazione di Besozzi, Rovelli, Magni, Citossi, Pase, Schiatti, Torri ed altri ancora viene stampata e distribuita la primissima edizione del giornale divenuto in seguito quadrimestrale. 
 1979 Maggio: Adunata Nazionale a Roma. Grande manifestazione in Piazza S.Pietro alla presenza di Papa Giovanni Paolo II.
Il 17° Raduno del 5° Alpini si svolge a Monza per festeggiare il 50° di fondazione della Sezione.
Si decide d'indire una sottoscrizione a favore della Lega per la Lotta contro i Tumori. 
 1980 Massimo Pellacini succede a Giulio Rovelli.
Siamo a quota 946 iscritti e puntiamo decisamente a "quota mille".
I Firlinfeu di Sovico sfilano con noi alla 53° Adunata Nazionale di Genova; un po' di folklore brianzolo ed i costumi manzoniani non stonano sulla riviera ligure.
Villasanta inaugura il "Parco degli Alpini" con un successo di partecipazione popolare e soprattutto di studenti.
Si interviene nell'Irpinia terremotata con un contributo in denaro e con volontari disposti a trascorrere le loro ferie nei cantieri allestiti dall'ANA per la ricostruzione. 
 1981 Carlo Magni succede a Massimo Pellacini.
Maggio: Adunata Nazionale a Verona.
Entusiasmante la sfilata di oltre 300000 alpini; suggestiva la S.Messa con la partecipazione del coro della Tridentina in un'Arena gremita.
Settembre: i soci anziani chiedono maggiori attenzioni; viene pertanto organizzata una gita a Biella ed Oropa; si decide di aprire per loro la sede nel pomeriggio del sabato viste le difficoltà ad uscire di casa la sera.
Da una decina d'anni, alla cappella "Gianni Rossi" accanto al rifugio Bogani sulla Grigna settentrionale, gli alpini partecipano alla S.Messa in ricordo dei caduti monzesi della montagna.
Un gruppo di soci monzesi sottoscrive una lettera con la quale richiede la costituzione di un Gruppo a Monza. 
 1982 Giugno: Adunata Nazionale a Bologna.
Si svolge con pieno successo nel Parco di Monza l'"Alpiniade" alla quale partecipano tutti i gruppi della Sezione.
L'esperienza passata ci fa prendere la decisione di effettuare l'annuale festa sezionale in concomitanza con quella dell'anniversario di un Gruppo. Si constaterà poi che tale decisione si è rivelata saggia.
Al CDS allargato di Capriano, fedeli al motto "donare è amare", vengono distribuite le schede per la stesura a livello nazionale del Libreo Verde ovvero "della bontà e dell'altruismo alpino in tempo di pace".
Nel consiglio del 1° dicembre si decide di salvare la casa della Combattenti da un ulteriore degrado e soprattutto bloccare tentativi di acquisto della stessa da parte di poco scrupolosi speculatori. Seduta stante i consiglieri presenti mettono mano al portafoglio, dando così inizio ad una stimolante gara di solidarietà che avrà luogo due anni più tardi con la completa ristrutturazione della nostra sede ANA. Gli alpini, come al solito, tracciano la via che altre associazioni d'Arma seguono portando così alla slavezza l'intero edificio. 
 1983 Aprile: inaugurazione della Chiesa di Valaperta di Casatenovo ristrutturata dagli alpini di quel Gruppo.
Per la piccola leucemica Norma, figlia di un alpino, gli alpini del Gruppo di Casatenovo, con un generoso slancio di solidarietà, raccolgono la somma di 3600000.
La 56° Adunata Nazionale della riconoscenza del friuli si svolge a Udine.
Maggio: visita del Papa in Brianza; viene svolto servizio d'ordine.
In autunno inoltrato si dà inizio ai lavori di ristrutturazione della sede dando priorità alle opere murarie della Casa dei Combattenti.
4 dicembre: viene benedetto il nuovo vessillo della Sezione offerto dal socio Achille Garbagnati, madrina la signora Mariuccia Magni. 
 1984 Nasce il Gruppo Monza Centro.
Adunata Nazionale a Trieste.
Dopo oltre un anno di lavoro volontario da parte dei più generosi, alla presenza del Presidente Nazionale Caprioli e di tutte le autorità cittadine, viene inaugurata la nuova sede sezionale.
8 aprile: si inaugura la nuova sede del Gruppo di Villasanta. 
 1985 Inaugurazione del Sacrario al Monte Tesoro. Vi si partecipa dopo aver collaborato sotto la direzione dell'amico Pino Galimberi ai lavori di costruzione. Magni vi fa installare una riproduzione dell'icona della Madonna del Don, opera del suo amico pittore Pierino Motta di Introbio.
La 58° Adunata Nazionale si svolge a La Spezia.
5 luglio: serata con proiezione di stupende diapositive di montagne.
Dicembre: l'annuale cerimonia a ricordo dei nostri alpini andati avanti assume la denominazione "La nostra domenica". Diventerà un significativo e tradizionale incontro nei primi giorni di dicembre. 
 1986 Imponente la partecipazione alla 59° Adunata Nazionale a Bergamo: un tuffo nell'Alpinità. Durante il viaggio in treno si gettano le basi, con alpini arcoresi, per la costituzione del Gruppo.
Festa sezionale a Villa Raverio che celebra il 30° anniversario di fondazione.
7 dicembre: mostra fotografica antologica presso la sede sociale. 
 1987 Nascono i gruppi di Trezzo sull'Adda e di Arcore.
60° Adunata Nazionale a Trento.
Grazie anche al contibuto di tutti i Gruppi della Sezione viene raggiunta la quota di 13 cani donati a non vedenti.
5 luglio: inaugurata la "Baita" nuova sede del Gruppo di Carate Brianza alla presenza del Ministro della Protezione Civile Zamberletti.
Il maltempo alleato all'incuria dell'uomo colpisce duro in Valtellina. Una frana di immane dimensioni distrugge il paese di S.Antonio Morignone in Alta Valtellina. Nostri alpini volontari, sacrificando le ferie, accorrono a sostegno della popolazione duramente provata.
20 settembre: con oltre 500 partecipanti pellegrinaggio a Mestre per offrire l'olio alla lampada votiva della sacra icona della Madonna del Don. Gran finale pomeridiano in Piazza S.Marco con l'esibizione del coro monzese Fior di Montagna e della fanfara alpina della Julia.
27 ottobre: Carlo Vicentini autore di "Noi soli vivi" presenta ed ascolta i commenti sul libro.
4 novembre: proiezione di diapositive in occasione dell'anniversario della Vittoria. 
 1988 Gennaio: a Brescia celebrazione dell'anniversario della battaglia di Nikolajewka.
Febbraio: partecipazione ai funerali dell'alpino pittore Giuseppe Novello. Magni in quell'occasione rinnova il desiderio di avere un disegno dell'amico, che fu suo compagno di prigionia in Germania e che questi aveva promesso. Il desiderio è stato soddisfatto dalle nipoti che hanno donato alla Sezione un bel disegno acquarellato che arricchisce la nostra sede, a ricordo di questo grande e simpatico alpino.
Maggio: a Castiglione delle Stiviere Magni e Monzani raccolgono le prime testimonianze delle drammatiche vicende vissute da Enzo Boletti.
La 61° Adunata Nazionale si svolge a Torino.
26 giugno: il nostro cappellano Padre Massimo Villa celebra il 50° di sacerdozio.
13 ottobre: Magni e Palma si recano a Merano presso il Comando Brigata Alpina Orobica per organizzare il giuramento solenne a Monza.
16 novembre: il Comandante dell'Orobica, Gen.Carrara, effettua un sopralluogo a Monza in vista del giuramento. 
 1989 Le autorità superiori (leggasi Governo) annullano la possibilità di avere un giuramento solenne di mille reclute alpine a Monza. Giustificazione: motivi di bilancio.
Aprile: celebrazioni in occasione del 60° anniversario di fondazione. 
   
  Siamo spiacenti la pagina è in costruzione